The Witcher finalmente è realtà: le prime immagini ufficiali!

the-witcher-gioco-di-ruolo
Image courtesy of http://media.comicbook.com

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Red Dragon ha detto:

    Io probabilmente non riuscirò a prendermelo nemmeno in italiano, data la mancanza cronica di quattrini in questo periodo. Tuttavia lo aspetto con fervore, come aspetto con fervore le recensioni che usciranno (la tua, prima tra tutte!).
    I miei dubbi su questo gioco sono principalmente due:
    1) È morto il 243° Geralt di Riva, avanti il 244°: il problema dei sistemi mortali che fanno di solito i GdR è proprio questo!
    2) “Che? Perché devo fare io il medico? Fallo tu!”: in un gioco su The Witcher tutti vorranno fare il Witcher, ma il gioco permette di metterne uno solo. Ma le altre classi come saranno? C’è il rischio del “ripiego”, cioè quelle classi che vengono fatti “così tanto per…”, soprattutto una classe come il medico: non ha importanza che è indispensabile, anche il Chierico in AD&D lo era, ma nessuno lo voleva fare, perché la “farmacia ambulante”, in un gioco di azione (non stiamo giocando ad E.R.), è un ruolo da PNG.

    Ciao 🙂
    PS: sono dannatamente incuriosito dal sistema di Crafting che è sempre stato un punto debole di molti giochi.

    • Gianmarco ha detto:

      Ciao Red Dragon, ti ringrazio per la fiducia e ti assicuro che la recensione non mancherà 😉 .
      Per quanto riguarda i tuoi dubbi, in realtà sono un po’ quelli che abbiamo tutti.
      Sul sistema mortale del gioco, è vero, c’è il rischio di interpretare molti Witcher, tuttavia hanno cercato di riproporre sia il combattimento adrenalinico del videogioco (a detta loro), sia un mondo brutale e ostile che, come sappiamo, è tipico in The Witcher. Speriamo solo che, come dici tu, non abbiano effettivamente esagerato.
      Per quanto riguarda le classi, hanno posto la stessa domanda a Nicola Degobbis di Need Games in un’intervista, dove gli hanno chiesto se ci fosse stato il pericolo del cosiddetto “effetto jedi”. Lui ha risposto dicendo che ogni classe è caratterizzata magnificamente e che ognuna avrà un “albero delle abilità” differente per la progressione. Ed ha anche affermato che nei suoi playtest si è divertito più a ruolare il “Mercante” che il “Witcher”. Perciò speriamo bene!
      Infine, ti confesso che il Crafting mi incuriosisce molto anche a me. Sarà bello vedere come l’hanno implementato.

      Più di quanto ti ho scritto non so, ma stai pur certo che in caso di ulteriori novità arriveranno altri articoli Red Dragon.
      Ciao ☺

  2. Itlas ha detto:

    Bah che cavolata, bastava un’ espansione Open Game License per D&D 5a edizione invece di usare un regolamento apposito, preso poi da Cyberpunk 2020 che era tanto fantastico nell’ ambientazione tanto pessimo ed incasinato nelle regole.

  3. Gianmarco ha detto:

    Speriamo abbiano apportato qualche modifica per renderlo più fluido e meno macchinoso. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi