Symbaroum: il gdr dark fantasy secondo gli svedesi

symbaroum-gdr-fantasy
Fonte: ©GGStudio

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Totentanz ha detto:

    Con l’ Advanced Player’s Guide (per ora disponibile solo in inglese, ma che GGStudio prevede di tradurre per l’autunno di quest’anno) parte dei tuoi “punti deboli” del gioco (che erano anche i miei) vengono risolti: nel manuale sono introdotte molte manovre per il combattimento, come il disarmare, difendersi totalmente, tentare un attaco più efficace, caricare, lottare, ritardare, predisporre trappole, attacchi mirati, nonchè un sistema per la reputazione, un equipaggiamento esteso, le professioni, nuovi poteri, ecc… davvero tanta, ma tanta, roba in più!
    È un peccato che serva un altro manuale per rendere, secondo me, “completo” il regolamento, ma con la guida il sistema diventa davvero efficace pur mantenendo la sua semplicità (es: difendersi completamente significa non attaccare, ma poter tirare due volte il dado per difendersi e tenere il migliore). Se prima avevo alcune remore sul gioco (dal punto di vista del regolamento, l’ambientazione è eccezionale), con la guida del giocatore vengono risolte quasi tutte, quindi secondo me per essere completo servono i due manuali.
    Per il resto, davvero ottima recensione, condivido praticamente tutto!

    • Daniele ha detto:

      Ciao Totentanz e grazie mille per i complimenti 🙂

      Si sapevo dell’Advanced Player’s Guide ma non avevo ancora avuto modo di leggerlo (aspetto la traduzione italiana che se non erro uscirà verso Novembre)… intendiamoci, il regolamento base di Symbaroum secondo me è “completo” già così: i difetti di cui parlo nella recensione non dovrebbero compromettere seriamente l’esperienza di gioco e comunque sono facilmente sistemabili con delle House Rules (per effettuare le manovre si può semplicemente ricorrere ad un Test Contrapposto, col risultato di offrire un Vantaggio all’attaccante). Certo un paragrafetto dedicato alle manovre di combattimento e ai benefici non sarebbe stato male !

      Detto ciò ovviamente ben venga il Player’s Guide, anche perché se non ho capito male aggiunge pure parecchie nuove Abilità , Tratti, Razze e Incantesimi : in un gdr del genere direi che si tratta di un ottimo complemento, a patto che resti “una tantum” e non si finisca come Pathfinder e simili.

  2. Totentanz ha detto:

    Figurati, una recensione davvero ben scritta.
    Io invece, forse complice la passione del mio gruppo per Savage Worlds che permette di fare “tutto con poco”, l’ho trovato mancante di qualcosa che lo rendesse davvero pronto, e questo qualcosa l’ho trovato nell’Advanced Player’s Guide.
    Confermo che nel manuale vengono presentate anche nuove razze, abilità, incantesimi, aumentando di molto le possibili scelte del giocatore (già di per sè varie).
    D’accordo sull’una tantum: vorrei evitare anche io l’effetto D&D o Pathfinder con millemila manuali, espansioni, compendi, visto che la bellezza di questo gioco sta proprio nella sua elegante semplicità. Mi pare di aver capito però che, a livello di supplementi, l’idea è quella dell’avventura o della campagna (o in futuro suppongo del modulo geografico), con presentata qualche breve regoletta o espansione alle regole in più, funzionale al contenuto e tema del supplemento. Un po’ lo stile di Unico Anello e di qualche ambientazione di Savage Worlds, stile che apprezzo molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *